venerdì 19 dicembre 2014

Terremoto nel Chianti e sismobufale

Da ieri è in corso uno sciame sismico nel Chianti che ha fato registrare finora una magnitudo massima di 4. L'INGV ha localizzato finora oltre 130 scosse la cui distribuzione spaziale è riportata nella figura seguente.


La mappa delle scosse ci da modo di discutere delle sismobufale che non mancano mai in queste occasioni. Ecco un post apparso su FB questo pomeriggio:



Posto che il sistema HAARP non ha nulla a che fare con i terremoti ed è inoltre stato chiuso da mesi, la motivazione del bischero di turno è che i terremoti sono troppo allineati per essere naturali. Come i siti di meteobufale storpiano a loro piacimento i dati ufficiali dei modelli meteo, così tutte queste inutili app che prendono i dati da siti ufficiali in Italia, in Europa o nel mondo massacrano i dati veri. L'allineamento che compare è dovuto al fatto che come si vede nella tabella gli epicentri sono forniti con solo due cifre decimali, mentre la precisione dei dati INGV è molto maggiore. Se forzo i dati di latitudine o longitudine a sole sue cifre dopo la virgola allineo i dati a questi valori e perdo la possibilità di distribuirli tra i valori. Per essere pratici, 1 centesimo di grado di latitudine equivale a oltre 1 km, e quindi ottengo un finto reticolo con questo passo. Diffidate degli spacciatori di dati manipolati e informatevi solo su siti di enti di ricerca pubblici.
Tornando alla sequenza in atto, è interessante vedere come la magnitudo massima sia cresciuta linearmente nel tempo fino alla scossa di magnitudo 4, mentre il tasso di attività è andato via via aumentando (vedi figura).




Al momento sembra che le scosse registrate si comportino come aftershock della principale.
Se questo comportamento proseguirà nelle prossime ore diventerà sempre più improbabile un superamento delle magnitudo già registrata, ma al momento è troppo presto per dirlo.
E' comprensibile che qualcuno non si senta al sicuro nella propria abitazione e che voglia trascorrere qualche ora ancora all'aperto. non bisogna però comportarsi come le persone nella foto qui sotto:


Le persone che non si sentono sicure in casa dovrebbero stare in un'area di attesa sicura predisposta nel piano comunale di protezione civile. Questi signori stano a pochi metri da un edificio in muratura neanche in buono stato di conservazione, in una via molto la cui larghezza è molto minore dell'altezza degli edifici.
A Lorca nel 2011 le persone uscirono in strada per un terremoto di magnitudo poco superiore a 4, e quando poche ore dopo arrivò il terremoto con magnitudo 5.2, 9 persone morirono per la caduta di parti non strutturali.
Infine, le sequenze che non fanno danni ma attirano l'attenzione dovrebbero essere occasione per fermarsi a riflettere su piccole ma efficaci misure di autoprotezione.
Questa sequenza è in una zona sismica che in passato ha generato anche terremoti che hanno fatto danni. Quante delle cantine del Chianti hanno messo in sicurezza la loro produzione vinicola? Non ci avevano pensato neanche in California, dove durante il recente terremoto nella Napa Valley ci sono stati 50 milioni di dollari di danni che sarebbero stati evitabili con poche decine di euro di tasselli ad espansione per bloccare botti e scaffali di bottiglie (vedi foto)
Tutti i consigli per l'autoprotezione dai terremoti li trovate qui: http://www.iononrischio.it





Nessun commento:

Posta un commento