domenica 22 febbraio 2015

Lo sciame peculiare di Gaggio

In questi giorni si è attivato uno sciame sismico tra i comuni di Gaggio Montano e Lizzano in Belvedere nell'Appennino settentrionale, non lontano da quello che ha interessato poche settimane ga la zona tra il Lago del Brasimone e Castiglione dei Pepoli (ne avevo parlato in questo articolo). La energia di quest'ultima sequenza è finora molto più bassa, non avendo raggiunto magnitudo 3, ma c'è una caratteristica che la rende abbastanza singolare: la distribuzione della profondità.
Confrontando le due sequenze (vedi figura seguente) si vede come la sequenza di Castiglione abbia avuto una distribuzione concentrata in una limitata fascia di profondità, con oltre il 95% degli eventi concentrati tra 7 ed 11 km. La sequenza di Gaggio raggiunge profondità molto maggiori. Non è tanto la profondità massima ad essere interessante quanto la distribuzione complessiva.
In appennino settentrionale ci sono sequenze che avvengono a profondità tra i 20 e 30 km (ne sono occorse negli ultimi anni  poco a Sud di Bologna e nell'appennino Reggiano) ma questà è particolare per coprire profondità dai 3 ai 24 km con una discreta continuità. Sequenze con questa distribuzione sono più diffuse nell'Appennino centrale e soprattutto meridionale, come illustrato nella figura seguente.(Si veda anche un precedente articolo sul terremoto del Matese del dic.2013/gen.2014).


5 commenti:

  1. MI spiace molto, ho cancellato per sbaglio un commento di un lettore postao qui. Mentre stavo rispondendo devo aver premuto il tasto sbagliato e non c'è possibilità di annulare

    RispondiElimina
  2. Buongiorno professore, non c'è problema il commento era il mio. Nel frattempo lo sciame si è evoluto ed è ancora in atto, le chiedo ad oggi cosa ne pensa di questa struttura che sembrerebbe nuova, in base alla tabella tratta da Papazachos si può pensare che questa nuova struttura potenzialmente possa generare terremoti con magnitudo maggiore di 6? è verosimile? Quanto è lunga la struttura?
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quanto è lunga la faglia? Si può capire?

      Elimina
    2. La peculiarità di questo sciame è che interessa una faglia che è molto più profonda che lunga. Ci sono terremoti per 20 Km di profondità ma con una impronta superficiale in un raggio di 5 km. Non credo che si possano applicare le relazioni standard tra momento e area della faglia

      Elimina
  3. Grazie della risposta, esiste in Italia una struttura simile? la faglia che da quel che ho capito per ora non è conosciuta può comprendere anche la zona di Castel di Casio ( dove c'è stato il recente terremoto di magnitudo +-4)?

    RispondiElimina